Ho scelto di restare ancora mentre ti prendi cura di me da lontano quando sarò troppo stanca e mi mancherai così tanto da non prendermene io. Ti penserò sempre tanto, forse troppo, ed ad ogni passo ti sarò più vicina. Mi sentirò un po’ più sola pensandoti ad occhi chiusi per vederti meglio e ripartirò da capo, con qualcosa in meno. Ti verrò a prendere ogni volta ora che non puoi più scappare, riposerò le mie labbra sulle tue e farò ripartire il tempo da dove l’abbiamo fermato.

Non dimenticherò il tuo odore sui miei vestiti, non dimenticherò i sorrisi e i nostri sguardi che si incrociavano mentre il mondo si fermava per guardarci senza dire niente perché già lo sapevamo. Non dimenticherò di immaginare le tue braccia che mi stringono quando tutto mi cadrà addosso e mi sentirò forte, con te al mio fianco e mi sentirò bene pensando che ci sei e forse riuscirò a sentire ancora il tuo profumo e mi girerò per vedere se sei tu e sarò felice anche se non ti vedrò perché ci sei, sempre, dentro me.

Si catapultò sulle mie labbra senza pensare alle conseguenze così da farmi impazzire un’altra volta. Esplosi e lui con me. Era uno di quei baci che quando finiscono finisci anche un po’ tu e ti resta un po’ dell’altro, ti lecchi le labbra per sentire ancora il suo sapore mentre chiudi gli occhi per sentirlo un po’ più stretto, un po’ più forte. Il vento fra i capelli e noi due sdraiati senza pensare lasciando parlare i nostri corpi sovrapposti e i nostri cuori che facevano la guerra e l’amore.

I nostri corpi si amalgamavano perfettamente sotto quel cielo scuro che ci annebbiava la mente e che non ci faceva sentire nient’altro che i nostri respiri sempre più affannati che si potevano confondere. Le tue mani scivolavano sinuosamente sulla mia pelle e mi facevano sentire sempre più donna, sempre più tua mentre le mie gambe si intrecciavano fra le tue per non farti andare via. Le nostre lingue infuocate esplodevano dalla voglia di non staccarsi e la tua voce dolce mi diceva di restare ancora. Il mio cuore è rimasto congelato in quella notte d’estate così calda quando tutto è finito così come é cominciato.

Due ore e tre bicchieri di troppo dopo ero nel letto rannicchiata cercando di ricordare le tue mani che prendevano le mie e mi portavano via mentre sulle labbra immaginavo il tuo sapore e dagli occhi scorrevano frammenti di noi. Non smisi nonostante facesse male, perché il dolore ormai era niente in confronto alla paura di dimenticare tutto il bene che mi avevi fatto. Più andavo avanti e più tutto era tanto nitido da farmi dubitare di questa realtà crudele che mi trapassa e mi spezza. Per l’ultima volta avevo i tuoi capelli fra le dita ma poco dopo avevo le mani vuote e il cuore pieno, tu non eri più accanto a me ma hai cominciato ad occupare uno spazio più grande.

Maledetto il giorno in cui non ho avuto le forze di dirti che senza te tutto questo non so che senso ha. Ho lasciato che quelle parole mi distruggessero mentre dagli occhi mi scendevano solo lacrime e tu mi dicevi di non piangere e io continuavo a farmi lacerare da quelle parole che non sono riuscita a dirti per paura o per orgoglio. Adesso lascia che te le dica tutti i giorni nel silenzio dei miei pensieri per sentire meno male sperando che, ovunque sei, tu possa sentirmi.

Ti cerco ancora fra la gente, nonostante sappia che non ci sei. Mi sembra di vederti e il mondo si ferma e tutto gira ma tu non giri attorno a me e tu continui a non esserci e io continuo a sentirti sempre di più. Perché l’amore è strano e mi fa sentire la tua mancanza e più mi manchi e più ti voglio, ma non c’è fine finché tutto non finirà, finché non saremo di nuovo insieme.

Mi sono innamorata di nuovo.
E pensare che dopo di te pensavo di non riuscire più neanche a guardare negli occhi un altro uomo, e invece eccomi qui ad amarlo in un modo veramente incredibile, a dirgli che lui è tutta la mia vita, che senza di lui non so più stare, che lo amo talmente tanto da non riuscire a esprimere tutto quello che provo.
Poi a volte per qualche secondo, solo per qualche secondo quando mi vieni in mente, è come se non mi fosse mai passata e provo esattamente le stesse sensazioni. E se prima mi piaceva così tanto pensarti da passarci ore, giorni, settimane, mesi, adesso non lo posso neanche sopportare per pochi secondi.
Non posso sopportare il fatto che ancora adesso tu riesca a togliere un po’ d’amore a tutto il resto. Dopo tutto questo tempo tu hai ancora un po’ del mio amore perchè ormai te lo sei preso e io non posso averlo più indietro.

Ci sono cose che non avranno mai senso, perché, soprattutto, non vorrai mai scoprirlo. Ci sono cose che devono rimanere così, senza tante spiegazioni, devono rimanere degli urli silenziosi nel cuore. Ci sono cose che forse non capirò mai e che non voglio capire. Ci sono cose, piccole cose, che rimangono nonostante tutto crolli, nonostante tutto sia instabile perché sono cose che semplicemente devono essere per sempre.

Non so se ti è mai successo di essere tanto felice o di sentire così tanto qualcosa da non saper esprimere tutto quello che provi perché è troppo.
Ecco non so se hai capito bene quello che intendo ma io provo esattamente questo quando sono con te. Ti amo talmente tanto, e questo talmente tanto è troppo poco rispetto a quello che provo per te. Perché non esiste una parola che rappresenta tanto quanto amo io te capisci?
Sei tutta la mia vita e anche di più. Sarà difficile, ma scommetto che insieme riusciremo a superare anche questa, insieme siamo fortissimi giusto? Siamo insieme e tutto il resto non conta una cazzo.
TI AMO E MOLTO DI PIU, E MOLTO MOLTO DI PIU.